Roma, 8 novembre 2015

Marcia per la Terra


DICHIARAZIONI

  • pagina 3 di 7 totali

 

Italian Climate Network
Veronica Caciagli
Possiamo chiamarlo Pianeta, Creato, Pachamama, Madre Terra, Natura: l'importante è unirci, come in questa Marcia, per difendere il clima e il nostro futuro!
Earth Day Italia
Roberta Cafarotti - Dir. Scientifico
A Roma molte cose sono iniziate per la nostra civiltà e da qui il Papa ci ha inviato il più potente messaggio di solidarietà universale e di rispetto per l’ambiente mai ascoltato. L’8 Novembre ripartiamo da qui e "camminiamo cantando!”.
Greenpeace Italia
Giuseppe Onufrio - Direttore Esecutivo
Per salvaguardare il clima globale e proteggere i diritti dei più indifesi è necessario - entro il 2050 - smettere di usare combustibili fossili e passare interamente alle fonti rinnovabili per garantire energia pulita e accessibile a tutti.
CILLA
Claudio Sandrini - Direttore Generale

L’Associazione Cilla aderisce alla “Marcia per la Terra, insieme a Papa Francesco per la solidarietà universale e per il clima” condividendone i principi ispiratori.

Auspichiamo, secondo la nostra Mission ed i valori fondanti della nostra Opera di Carità, un impegno sempre più concreto in difesa del Creato, nel sostegno della cultura dell’accoglienza, nell’affermazione della centralità e della dignità della persona, soprattutto quando debole e ferita.

ACSE
Padre Venanzio Milani - Presidente
Nel viaggio apostolico verso le Filippine del gennaio scorso papa Francesco ricordava il detto di un vecchio contadino: “ Dio perdona sempre, noi uomini perdoniamo alcune volte, la natura non perdona mai”. E’ un monito a cui prestare attenzione se vogliamo vivere felici.
CISP
Paolo Dieci - Presidente

La giornata per il Creato, la marcia dell'8 novembre dal Colosseo a San Pietro e soprattutto l'Enciclica di Papa Francesco "Laudato Sì" esprimono alcuni dei valori più forti e profondi nei quali crediamo: la difesa del bene comune, la responsabilità nei confronti delle future generazioni, la difesa degli interessi dei più deboli e meno protetti. Per questo abbiamo accolto con gioia e convinzione l'invito a partecipare all'iniziativa. Link 2007 e le sue ONG si impegnano attivamente affinché l'8 novembre sia una giornata di gioia, di speranza, di impegno.

Orizzontenergia
Giorgio Ruscito - Direttore

Custodire il Creato significa coltivare la sostenibilità del Pianeta. Non è una meta ma un percorso. Al centro l’attenzione ai ritmi della natura e l’impegno a generare energia con rispetto per l’ambiente e le esigenze di crescita e sviluppo delle popolazioni. I mezzi d’informazione sono fondamentali per sensibilizzare il cittadino ed innescare quel processo di consapevolezza e innovazione sociale che sta alla base dello sviluppo sostenibile.

Alfonso Pecoraro Scanio
Come ex Ministro dell'Ambiente mi sembra un dovere aderire a questa bella iniziativa.
Vescovo Ausiliare della Diocesi di Roma
Monsignor Paolo Lojudice

 

Domenica alle 9 al Colosseo, il Vicariato di Roma darà il via alla Marcia per la Terra in difesa dei più fragili.

La società civile nazionale ed internazionale si compatterà per dare una testimonianza di forte solidarietà alla Laudato si' di Papa Francesco in vista della Conferenza sul Clima di Parigi. Il nuovo e più giovane vescovo Ausiliare della Diocesi, Monsignor Paolo Lojudice, ha lavorato per anni con le categorie più disagiate di Roma e in particolare con i Rom, problema da sempre controverso ed irrisolto.

Con lo sguardo semplice e diretto di chi è abituato a confrontarsi con le difficoltà più concrete del territorio fa subito notare che "a Roma il disagio di alcune categorie viene sfruttato esattamente come avviene per il Pianeta a livello globale. È una città - continua don Paolo - che riflette  pienamente i mali dell'umanità".

Senza girarci troppo intorno Lojudice parla di Mafia Capitale: "è l'emblema dell'atteggiamento che l'uomo ha oggi nei confronti del Creato e delle creature: non importa se un'intera popolazione ne soffrirà o se si produrranno danni permanenti all'ambiente, l'importante è perseguire i propri interessi con ogni mezzo a disposizione. Con i Rom a Roma è avvenuto proprio questo. Parliamo di un numero di persone davvero minimo, sono poche migliaia, che sarebbe stato molto facile ed economico integrare come già avvenuto in altri paesi. Invece si è colta l'occasione offerta dalla loro diversità per ghettizzarli e utilizzare questo per sottrarre risorse pubbliche. Quante persone hanno guadagnato e per quanti anni per gestire una "emergenza" mai affrontata e mai risolta?

Roma sfrutta il disagio esattamente come l'economia mondiale sfrutta il Pianeta. E mentre a Parigi dovranno fare i conti con l'avvicinarsi di il punto di non ritorno dei Cambiamenti Climatici il Papa ricorda, proprio da questa città, che la questione è più ampia e che un punto di non ritorno lo stiamo raggiungendo anche sull'aumento delle emergenze sociali". A Roma, come al mondo intero, serve oggi uno scatto d'orgoglio che ci aiuti a restituire dignità all'uomo e rispetto al Creato.

Ma la Chiesa di Roma cosa fa? Ci guida verso questo scatto d'orgoglio?

La Chiesa è fatta di uomini che vivono il loro tempo al pari di ogni altro uomo. Anche i sacerdoti possono essere confusi e sopraffati dai ritmi infernali che la nostra società impone. È difficile anche per loro.

Da dove iniziare allora?  

Abbiamo la forza della Dottrina Sociale che rappresenta un solido punto fermo per tutta la Chiesa. La Laudato si' ne è l'ultima luminosa espressione e ci riporta con forza al Creato che poi è l'origine di tutto.

Bisogna tornare alle origini?

Alle origini e alla semplicità della Creazione. Non è un caso che la Bibbia cominci proprio da lì. L'uomo ha ricevuto in dono la natura che è un ordine perfetto. La libertà nella quale è stato chiamato a custodirla lo ha portato però a dominarla. È sorprendente quanto il diluvio universale ricordi le bombe d'acqua che sempre più spesso colpiscono Roma. Il Creato si ribella a chi vuole dominarlo, mentre è generoso con chi si impegna a custodirlo.

Siamo quindi destinati al diluvio universale!

C'è uno passo fondamentale della Bibbia che ci racconta di un'altra città corrotta chiamata Ninive. Dio aveva deciso di scatenare contro di lei la Sua furia ma prima di farlo aveva mandato Giona ad avvertirla. Tra quaranta giorni Ninive sarà distrutta - gridava questo profeta - e gli abitanti di quella città si fermarono, si vestirono con un sacco e indissero un digiuno per tutti, cittadini e re. Dio non punì quella città corrotta perché si era ravveduta.

A Parigi come a Roma, l'enciclica di Papa Francesco porta avanti l'ingrato compito di Giona. Avverte governanti e cittadini che la Creazione sta per ribellarsi in modo deciso contro chi pretende di dominarla e sfruttarla. Sta a noi decidere se continuare a correre verso la distruzione o se invece vestire il sacco di Francesco, il quale non a caso ha deciso di chiamarsi come il poverello d'Assisi e di rievocare le sue lodi alla Creazione.  

Auci
Pasquale De Sole - Presidente
La nostra sorella Terra si lamenta per tutte le ferite che infliggiamo a lei e tutti i suoi figli. Marcianmo umilmente in spirito di espiazione, per testimoniare la nostra partecipazione al suo dolore
  • pagina 3 di 7 totali

 

Trattamento dei dati personali e privacy

Nell’esecuzione degli obblighi contrattuali, Earth Day Italia Onlus potrà registrare e trattare, nel rispetto del D.Lgs. n. 196/2003 e successive modificazioni (il “Codice della Privacy”) i dati personali che riguardano il Cliente/Beneficiario al momento della registrazione al sito:
a) necessità legate alle indicazioni dell’evento;
b) indirizzare al Cliente/Beneficiario, per posta elettronica o non, le informazioni che permettono di conoscere meglio Earth Day Italia.
Il conferimento dei dati per le finalità di cui al precedente punto a) è obbligatorio in quanto i medesimi sono necessari per poter ricevere qualsiasi aggiornamento Diversamente, il conferimento dei dati del Cliente/Beneficiario per le finalità di cui al precedente punto b) è facoltativo e l’eventuale rifiuto comporta unicamente l’impossibilità di ricevere, per posta elettronica o non, le informazioni che permettono di conoscere meglio Earth Day Italia.
Il trattamento sarà effettuato mediante strumenti idonei a garantirne la sicurezza e la riservatezza e potrà essere effettuato manualmente o tramite strumenti automatizzati atti a memorizzare, gestire e trasmettere i dati stessi. Titolare del trattamento di tali dati personali è Earth Day Italia Onlus., nella persona del Responsabile Legale (il “Titolare”). Ai sensi dell’art. 13 del Codice della Privacy, il Titolare tratta i dati personali, volontariamente forniti dai Clienti/Beneficiari, per l’esecuzione degli obblighi contrattuali, adottando tutte le misure idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza, nel rispetto della normativa sopra richiamata. I dati raccolti non saranno oggetto di diffusione ma potranno essere comunicati a soggetti esterni che svolgono specifici incarichi per conto dell’azienda (adempimenti fiscali, gestione dei sistemi informatici, gestione degli adempimenti contrattuali, ecc.) e alle Autorità Amministrative per gli adempimenti di legge. Conformemente a quanto previsto dalla legge, il Cliente/Beneficiario potrà in ogni caso ed in qualsiasi momento esercitare i diritti di cui all’art. 7 del Codice della Privacy (accesso, correzione, integrazione, opposizione al trattamento, ecc.). Il Cliente/Beneficiario potrà esercitare il suo diritto di accesso, rettifica o soppressione dei dati personali inviando una comunicazione all’indirizzo seguente: Earth Day Italia Onlus, reclamo dati personali: info@earthday.it, 00143 Roma, 20 Via dei Guastatori.